Storia delle protesi

Storia delle protesi

Nel corso dei secoli le protesi hanno subito notevoli miglioramenti,  un interessante dato è che l’evoluzione in campo delle protesi è quasi sempre arrivata dall’iniziativa singola e spesso di privati cittadini, raramente le istituzioni hanno aiutato e coordinato la ricerca in campo prostetico.
A tal proposito per avere un più ampio quadro evoluzionistico
analizzeremo le varie fasi della storia.

L'evoluzione della protesi è dunque una lunga e complessa storia, dalle sue origini primitive alle attuali sofisticate, alle visioni emozionanti del futuro. Come nello sviluppo di qualsiasi altro campo, alcune idee e invenzioni sono state ampliate, come ad esempio il piede in posizione fissa, mentre altri sono caduti nel dimenticatoio o diventati obsoleti, come ad esempio l'uso del ferro in una protesi. Ma per apprezzare quanto avvenuto in campo protesico dobbiamo prima guardare gli antichi egizi.

 

La quinta dinastia egizia 2750-2625 aC

Per ogni problema, l'uomo cerca una soluzione, gli egizi furono i primi pionieri della tecnologia protesica. I loro rudimentali arti protesici erano fatti di fibra e si ritiene che fossero indossati più per un senso estetico e non funzionale. Tuttavia, gli scienziati hanno recentemente scoperto quello che si dice essere primo dito protesico del mondo, installato su una mummia egiziana. Questa protesi sembrerebbe svolgere un ruolo funzionale oltre che estetico (fig.1)[1].

 

Figura 1 Protesi rinvenuta in Egitto

 

Una gamba artificiale risalente a circa il 300 aC è stata rinvenuta a Capua, in Italia, nel 1858. Era fatta di bronzo e di ferro, con l’anima in legno, era stata costruita per un amputato transtibiale. Nel 424 aC, Erodoto ha scritto di un veggente persiano che fu condannato a morte ma riuscì a fuggire

amputandosi il piede e facendo un filler di legno per camminare
30 miglia fino alla città più vicina.

Lo studioso romano Plinio il Vecchio (23-79 dC) scrisse di un generale romano nella seconda guerra punica (218-210 aC) che aveva un braccio destro amputato. Aveva una mano di ferro che gli permetteva di tenere il suo scudo ed è stato così in grado di tornare a combattere.

 

Il Medioevo (476 a 1000)

Il Medioevo vide uno scarso avanzamento in ambito delle protesi. La maggior parte delle protesi del tempo sono state fatte per nascondere le deformità o lesioni subite in battaglia, con scarsa attenzione alla funzionalità. Al di fuori della battaglia, solo i ricchi hanno avuto la fortuna di essere dotati di una protesi funzionale per la gamba o la mano.

Era comune per gli artigiani, tra armaioli, la progettazione e la creazione di arti artificiali, persone di tutti i mestieri spesso hanno contribuito a rendere le protesi meccaniche; gli orologiai per esempio aggiunsero intricate funzioni interne con molle e ingranaggi (Fig.2).

 

Figura 2 Protesi di mano rinvenuta nel Medioevo

 

Il Rinascimento (1400 a 1800)

Il Rinascimento ha inaugurato nuove prospettive dell'arte, della filosofia, della scienza e della medicina. Ritornando alle scoperte mediche dei Greci e dei Romani in materia di protesi, il Rinascimento ha dimostrato di essere una rinascita nella storia della protesi. Le protesi in questo periodo sono generalmente fatti di ferro, acciaio, rame e legno e acquistano oltre che un ruolo estetico anche un ruolo funzionale.

 

Primi del 1500

Nel 1508, il mercenario tedesco Gotz von Berlichingen aveva un paio di mani di ferro tecnologicamente avanzate, realizzate dopo aver perso il suo braccio destro nella battaglia di Landshut. Le mani potevano essere controllate, dall’arto controlaterale, quest’ultimo collegato ad una serie di cavi e molle sospeso con cinghie di cuoio.

Intorno 1512, un chirurgo italiano durante un viaggio in Asia, vide un amputato bilaterale che è stato in grado di togliersi il cappello, aprire la sua borsa, e firmare il suo nome. Un'altra storia emerse circa un braccio d'argento che è stato fatto per l'ammiraglio Barbarossa.

 

Da metà a fine del 1500

Ambroise Paré barbiere/chirurgo dell’esercito francese è considerato da molti il padre della chirurgia moderna. Ha introdotto le procedure di amputazione moderna (1529) e di costruzione delle protesi di arti inferiori (1536). Ha anche inventato una protesi sopra il ginocchio, una gamba di legno con ginocchio articolato e piede in posizione fissa, blocco di controllo al ginocchio e altre caratteristiche tecniche che sono utilizzate nei dispositivi di oggi. Il suo lavoro ha mostrato la prima vera idea di come dovrebbe funzionare una protesi. Un collega di Paré, il Lorrain, un fabbro francese, ha offerto uno dei contributi più importanti al campo quando ha usato il cuoio, carta e colla al posto del ferro che risultava essere troppo pesante (Fig.3).

 

Figura 3 Protesi per amputati tranfemorali in ferro

 

Il 17 al 19 ° secolo

Nel 1696, Pieter Verduyn sviluppò la prima protesi con articolazione del ginocchio, che sarebbe poi diventata il modello per gli attuali dispositivi.

Nel 1800, un londinese, James Potts, ha progettato una protesi fatta da una gamba in legno e presa di corrente, un ginocchio in acciaio e un piede articolato controllato da tendini tracciati dal ginocchio alla caviglia (Fig. 4).

 

Figura 4 Protesi di James Potts

Nel 1843, Sir James Syme ha scoperto un nuovo metodo di amputazione della caviglia che non comportava l'amputazione alla coscia. Questa metodologia è stata ben accettata nella comunità degli amputati perché voleva dire che c'era una possibilità di camminare utilizzando una protesi del piede evitando l’amputazione di gamba.

Nel 1846, Benjamin Palmer vedendo le varie lacune tra i componenti di una protesi di gamba, migliorò le protesi esistenti con l’aggiunta di una molla anteriore e tendini nascosti per simulare il movimento naturale.

Douglas Bly ha inventato e brevettato la gamba anatomica Bly Doctor's (1858), da lui denominata "l'invenzione più completa e di successo mai raggiunta in arti artificiali" (Fig.5)[2].

 

Figura 5 Protesi di Douglas Bly

 

Nel 1863, Dubois Parmlee inventò una protesi avanzata con una presa di aspirazione, ginocchio e piede policentrico multi-articolato. Più tardi, Gustav Hermann suggerì nel 1868 l'uso di alluminio anziché dell’acciaio per fare arti artificiali più leggero e funzionali. Tuttavia, il dispositivo più leggero avrebbe dovuto aspettare fino al 1912, quando Marcel Desoutter, un celebre aviatore inglese, perse la gamba in un incidente aereo, e fece la prima protesi in alluminio con l'aiuto del fratello Carlo, un ingegnere.

 

Muoversi verso i tempi moderni

La guerra di secessione americana creò un numero di amputazioni astronomicamente alto, costringendo così gli americani a entrare nel campo della protesi. James Hanger, uno degli amputati prima della Guerra Civile, ha sviluppato quello che in seguito fu brevettato come "Hanger Limb". Persone come Hanger, Selpho, Palmer e A. A. Marchi contribuirono a trasformare
e far avanzare il campo protesi con le loro raffinatezze nei
meccanismi e materiali dei dispositivi.

A differenza della guerra civile, la prima guerra mondiale non favorì l'avanzamento dello sviluppo prostetico. Nonostante la mancanza di progressi tecnologici, il chirurgo dell'esercito comprese l'importanza della discussione di tecnologia e sviluppo delle protesi, questo alla fine lo ha portato alla formazione del Orthotic American & Protesi Association (AOPA).

A seguito della seconda guerra mondiale, i veterani non era soddisfatto della mancanza di tecnologia nei propri dispositivi e hanno chiesto un miglioramento, il governo degli Stati Uniti ha così negoziato un accordo con le imprese militari per migliorare la funzione di protesi piuttosto che quella delle armi. Questo accordo ha aperto la strada allo sviluppo e alla produzione di protesi moderne. Gli attuali dispositivi sono molto più leggeri,
in plastica, alluminio e materiali compositi per fornire amputati
con i dispositivi più funzionale.

Oltre ad essere più leggeri, i nuovi dispositivi sono modellati sul paziente, con l'avvento dei microprocessori, dei chip di computer e della robotica, oggi le protesi sono progettate per far tornare gli amputati allo stile di vita a cui erano abituati, piuttosto che per fornire funzionalità di base o semplicemente un aspetto più gradevole. Le protesi sono più realistiche, hanno coperture in silicone e sono in grado di mimare la funzione di un arto naturale ora
più che in qualsiasi momento prima (Fig 6)[3].

 

 

Figura 6 Ginocchio elettronico C-leg



[1] Kenneth Garrett / Getty Images

[2] http://www.clinicalgaitanalysis.com/history/prosthetics.html

[3] Broschüre C-Leg 646A221=I_screen

Nel corso dei secoli le protesi hanno subito notevoli miglioramenti,  un interessante dato è che l’evoluzione in campo delle protesi è quasi sempre arrivata dall’iniziativa singola e spesso di privati cittadini, raramente le istituzioni hanno aiutato e coordinato la ricerca in campo prostetico.

A tal proposito per avere un più ampio quadro evoluzionistico
analizzeremo le varie fasi della storia.

L'evoluzione della protesi è dunque una lunga e complessa storia, dalle sue origini primitive alle attuali sofisticate, alle visioni emozionanti del futuro. Come nello sviluppo di qualsiasi altro campo, alcune idee e invenzioni sono state ampliate, come ad esempio il piede in posizione fissa, mentre altri sono caduti nel dimenticatoio o diventati obsoleti, come ad esempio l'uso del ferro in una protesi. Ma per apprezzare quanto avvenuto in campo protesico dobbiamo prima guardare gli antichi egizi.

La quinta dinastia egizia 2750-2625 aC

Per ogni problema, l'uomo cerca una soluzione, gli egizi furono i primi pionieri della tecnologia protesica. I loro rudimentali arti protesici erano fatti di fibra e si ritiene che fossero indossati più per un senso estetico e non funzionale. Tuttavia, gli scienziati hanno recentemente scoperto quello che si dice essere primo dito protesico del mondo, installato su una mummia egiziana. Questa protesi sembrerebbe svolgere un ruolo funzionale oltre che estetico (fig.1)[1].

Figura 1 Protesi rinvenuta in Egitto

Una gamba artificiale risalente a circa il 300 aC è stata rinvenuta a Capua, in Italia, nel 1858. Era fatta di bronzo e di ferro, con l’anima in legno, era stata costruita per un amputato transtibiale. Nel 424 aC, Erodoto ha scritto di un veggente persiano che fu condannato a morte ma riuscì a fuggire

amputandosi il piede e facendo un filler di legno per camminare
30 miglia fino alla città più vicina.

Lo studioso romano Plinio il Vecchio (23-79 dC) scrisse di un generale romano nella seconda guerra punica (218-210 aC) che aveva un braccio destro amputato. Aveva una mano di ferro che gli permetteva di tenere il suo scudo ed è stato così in grado di tornare a combattere.

Il Medioevo (476 a 1000)

Il Medioevo vide uno scarso avanzamento in ambito delle protesi. La maggior parte delle protesi del tempo sono state fatte per nascondere le deformità o lesioni subite in battaglia, con scarsa attenzione alla funzionalità. Al di fuori della battaglia, solo i ricchi hanno avuto la fortuna di essere dotati di una protesi funzionale per la gamba o la mano.

Era comune per gli artigiani, tra armaioli, la progettazione e la creazione di arti artificiali, persone di tutti i mestieri spesso hanno contribuito a rendere le protesi meccaniche; gli orologiai per esempio aggiunsero intricate funzioni interne con molle e ingranaggi (Fig.2).

Figura 2 Protesi di mano rinvenuta nel Medioevo

Il Rinascimento (1400 a 1800)

Il Rinascimento ha inaugurato nuove prospettive dell'arte, della filosofia, della scienza e della medicina. Ritornando alle scoperte mediche dei Greci e dei Romani in materia di protesi, il Rinascimento ha dimostrato di essere una rinascita nella storia della protesi. Le protesi in questo periodo sono generalmente fatti di ferro, acciaio, rame e legno e acquistano oltre che un ruolo estetico anche un ruolo funzionale.

Primi del 1500

Nel 1508, il mercenario tedesco Gotz von Berlichingen aveva un paio di mani di ferro tecnologicamente avanzate, realizzate dopo aver perso il suo braccio destro nella battaglia di Landshut. Le mani potevano essere controllate, dall’arto controlaterale, quest’ultimo collegato ad una serie di cavi e molle sospeso con cinghie di cuoio.

Intorno 1512, un chirurgo italiano durante un viaggio in Asia, vide un amputato bilaterale che è stato in grado di togliersi il cappello, aprire la sua borsa, e firmare il suo nome. Un'altra storia emerse circa un braccio d'argento che è stato fatto per l'ammiraglio Barbarossa.

Da metà a fine del 1500

Ambroise Paré barbiere/chirurgo dell’esercito francese è considerato da molti il padre della chirurgia moderna. Ha introdotto le procedure di amputazione moderna (1529) e di costruzione delle protesi di arti inferiori (1536). Ha anche inventato una protesi sopra il ginocchio, una gamba di legno con ginocchio articolato e piede in posizione fissa, blocco di controllo al ginocchio e altre caratteristiche tecniche che sono utilizzate nei dispositivi di oggi. Il suo lavoro ha mostrato la prima vera idea di come dovrebbe funzionare una protesi. Un collega di Paré, il Lorrain, un fabbro francese, ha offerto uno dei contributi più importanti al campo quando ha usato il cuoio, carta e colla al posto del ferro che risultava essere troppo pesante (Fig.3).

Figura 3 Protesi per amputati tranfemorali in ferro

Il 17 al 19 ° secolo

Nel 1696, Pieter Verduyn sviluppò la prima protesi con articolazione del ginocchio, che sarebbe poi diventata il modello per gli attuali dispositivi.

Nel 1800, un londinese, James Potts, ha progettato una protesi fatta da una gamba in legno e presa di corrente, un ginocchio in acciaio e un piede articolato controllato da tendini tracciati dal ginocchio alla caviglia (Fig. 4).

Figura 4 Protesi di James Potts

Nel 1843, Sir James Syme ha scoperto un nuovo metodo di amputazione della caviglia che non comportava l'amputazione alla coscia. Questa metodologia è stata ben accettata nella comunità degli amputati perché voleva dire che c'era una possibilità di camminare utilizzando una protesi del piede evitando l’amputazione di gamba.

Nel 1846, Benjamin Palmer vedendo le varie lacune tra i componenti di una protesi di gamba, migliorò le protesi esistenti con l’aggiunta di una molla anteriore e tendini nascosti per simulare il movimento naturale.

Douglas Bly ha inventato e brevettato la gamba anatomica Bly Doctor's (1858), da lui denominata "l'invenzione più completa e di successo mai raggiunta in arti artificiali" (Fig.5)[2].

Figura 5 Protesi di Douglas Bly

Nel 1863, Dubois Parmlee inventò una protesi avanzata con una presa di aspirazione, ginocchio e piede policentrico multi-articolato. Più tardi, Gustav Hermann suggerì nel 1868 l'uso di alluminio anziché dell’acciaio per fare arti artificiali più leggero e funzionali. Tuttavia, il dispositivo più leggero avrebbe dovuto aspettare fino al 1912, quando Marcel Desoutter, un celebre aviatore inglese, perse la gamba in un incidente aereo, e fece la prima protesi in alluminio con l'aiuto del fratello Carlo, un ingegnere.

Muoversi verso i tempi moderni

La guerra di secessione americana creò un numero di amputazioni astronomicamente alto, costringendo così gli americani a entrare nel campo della protesi. James Hanger, uno degli amputati prima della Guerra Civile, ha sviluppato quello che in seguito fu brevettato come "Hanger Limb". Persone come Hanger, Selpho, Palmer e A. A. Marchi contribuirono a trasformare
e far avanzare il campo protesi con le loro raffinatezze nei
meccanismi e materiali dei dispositivi.

A differenza della guerra civile, la prima guerra mondiale non favorì l'avanzamento dello sviluppo prostetico. Nonostante la mancanza di progressi tecnologici, il chirurgo dell'esercito comprese l'importanza della discussione di tecnologia e sviluppo delle protesi, questo alla fine lo ha portato alla formazione del Orthotic American & Protesi Association (AOPA).

A seguito della seconda guerra mondiale, i veterani non era soddisfatto della mancanza di tecnologia nei propri dispositivi e hanno chiesto un miglioramento, il governo degli Stati Uniti ha così negoziato un accordo con le imprese militari per migliorare la funzione di protesi piuttosto che quella delle armi. Questo accordo ha aperto la strada allo sviluppo e alla produzione di protesi moderne. Gli attuali dispositivi sono molto più leggeri,
in plastica, alluminio e materiali compositi per fornire amputati
con i dispositivi più funzionale.

Oltre ad essere più leggeri, i nuovi dispositivi sono modellati sul paziente, con l'avvento dei microprocessori, dei chip di computer e della robotica, oggi le protesi sono progettate per far tornare gli amputati allo stile di vita a cui erano abituati, piuttosto che per fornire funzionalità di base o semplicemente un aspetto più gradevole. Le protesi sono più realistiche, hanno coperture in silicone e sono in grado di mimare la funzione di un arto naturale ora
più che in qualsiasi momento prima (Fig 6)[3].

 

Figura 6 Ginocchio elettronico C-leg

 


[1] Kenneth Garrett / Getty Images

[2] http://www.clinicalgaitanalysis.com/history/prosthetics.html

[3] Broschüre C-Leg 646A221=I_screen

Nel corso dei secoli le protesi hanno subito notevoli miglioramenti,  un interessante dato è che l’evoluzione in campo delle protesi è quasi sempre arrivata dall’iniziativa singola e spesso di privati cittadini, raramente le istituzioni hanno aiutato e coordinato la ricerca in campo prostetico.
A tal proposito per avere un più ampio quadro evoluzionistico
analizzeremo le varie fasi della storia.

L'evoluzione della protesi è dunque una lunga e complessa storia, dalle sue origini primitive alle attuali sofisticate, alle visioni emozionanti del futuro. Come nello sviluppo di qualsiasi altro campo, alcune idee e invenzioni sono state ampliate, come ad esempio il piede in posizione fissa, mentre altri sono caduti nel dimenticatoio o diventati obsoleti, come ad esempio l'uso del ferro in una protesi. Ma per apprezzare quanto avvenuto in campo protesico dobbiamo prima guardare gli antichi egizi.

 

La quinta dinastia egizia 2750-2625 aC

Per ogni problema, l'uomo cerca una soluzione, gli egizi furono i primi pionieri della tecnologia protesica. I loro rudimentali arti protesici erano fatti di fibra e si ritiene che fossero indossati più per un senso estetico e non funzionale. Tuttavia, gli scienziati hanno recentemente scoperto quello che si dice essere primo dito protesico del mondo, installato su una mummia egiziana. Questa protesi sembrerebbe svolgere un ruolo funzionale oltre che estetico (fig.1)[1].

 

Figura 1 Protesi rinvenuta in Egitto

 

Una gamba artificiale risalente a circa il 300 aC è stata rinvenuta a Capua, in Italia, nel 1858. Era fatta di bronzo e di ferro, con l’anima in legno, era stata costruita per un amputato transtibiale. Nel 424 aC, Erodoto ha scritto di un veggente persiano che fu condannato a morte ma riuscì a fuggire

amputandosi il piede e facendo un filler di legno per camminare
30 miglia fino alla città più vicina.

Lo studioso romano Plinio il Vecchio (23-79 dC) scrisse di un generale romano nella seconda guerra punica (218-210 aC) che aveva un braccio destro amputato. Aveva una mano di ferro che gli permetteva di tenere il suo scudo ed è stato così in grado di tornare a combattere.

 

Il Medioevo (476 a 1000)

Il Medioevo vide uno scarso avanzamento in ambito delle protesi. La maggior parte delle protesi del tempo sono state fatte per nascondere le deformità o lesioni subite in battaglia, con scarsa attenzione alla funzionalità. Al di fuori della battaglia, solo i ricchi hanno avuto la fortuna di essere dotati di una protesi funzionale per la gamba o la mano.

Era comune per gli artigiani, tra armaioli, la progettazione e la creazione di arti artificiali, persone di tutti i mestieri spesso hanno contribuito a rendere le protesi meccaniche; gli orologiai per esempio aggiunsero intricate funzioni interne con molle e ingranaggi (Fig.2).

 

Figura 2 Protesi di mano rinvenuta nel Medioevo

 

Il Rinascimento (1400 a 1800)

Il Rinascimento ha inaugurato nuove prospettive dell'arte, della filosofia, della scienza e della medicina. Ritornando alle scoperte mediche dei Greci e dei Romani in materia di protesi, il Rinascimento ha dimostrato di essere una rinascita nella storia della protesi. Le protesi in questo periodo sono generalmente fatti di ferro, acciaio, rame e legno e acquistano oltre che un ruolo estetico anche un ruolo funzionale.

 

Primi del 1500

Nel 1508, il mercenario tedesco Gotz von Berlichingen aveva un paio di mani di ferro tecnologicamente avanzate, realizzate dopo aver perso il suo braccio destro nella battaglia di Landshut. Le mani potevano essere controllate, dall’arto controlaterale, quest’ultimo collegato ad una serie di cavi e molle sospeso con cinghie di cuoio.

Intorno 1512, un chirurgo italiano durante un viaggio in Asia, vide un amputato bilaterale che è stato in grado di togliersi il cappello, aprire la sua borsa, e firmare il suo nome. Un'altra storia emerse circa un braccio d'argento che è stato fatto per l'ammiraglio Barbarossa.

 

Da metà a fine del 1500

Ambroise Paré barbiere/chirurgo dell’esercito francese è considerato da molti il padre della chirurgia moderna. Ha introdotto le procedure di amputazione moderna (1529) e di costruzione delle protesi di arti inferiori (1536). Ha anche inventato una protesi sopra il ginocchio, una gamba di legno con ginocchio articolato e piede in posizione fissa, blocco di controllo al ginocchio e altre caratteristiche tecniche che sono utilizzate nei dispositivi di oggi. Il suo lavoro ha mostrato la prima vera idea di come dovrebbe funzionare una protesi. Un collega di Paré, il Lorrain, un fabbro francese, ha offerto uno dei contributi più importanti al campo quando ha usato il cuoio, carta e colla al posto del ferro che risultava essere troppo pesante (Fig.3).

 

Figura 3 Protesi per amputati tranfemorali in ferro

 

Il 17 al 19 ° secolo

Nel 1696, Pieter Verduyn sviluppò la prima protesi con articolazione del ginocchio, che sarebbe poi diventata il modello per gli attuali dispositivi.

Nel 1800, un londinese, James Potts, ha progettato una protesi fatta da una gamba in legno e presa di corrente, un ginocchio in acciaio e un piede articolato controllato da tendini tracciati dal ginocchio alla caviglia (Fig. 4).

 

Figura 4 Protesi di James Potts

Nel 1843, Sir James Syme ha scoperto un nuovo metodo di amputazione della caviglia che non comportava l'amputazione alla coscia. Questa metodologia è stata ben accettata nella comunità degli amputati perché voleva dire che c'era una possibilità di camminare utilizzando una protesi del piede evitando l’amputazione di gamba.

Nel 1846, Benjamin Palmer vedendo le varie lacune tra i componenti di una protesi di gamba, migliorò le protesi esistenti con l’aggiunta di una molla anteriore e tendini nascosti per simulare il movimento naturale.

Douglas Bly ha inventato e brevettato la gamba anatomica Bly Doctor's (1858), da lui denominata "l'invenzione più completa e di successo mai raggiunta in arti artificiali" (Fig.5)[2].

 

Figura 5 Protesi di Douglas Bly

 

Nel 1863, Dubois Parmlee inventò una protesi avanzata con una presa di aspirazione, ginocchio e piede policentrico multi-articolato. Più tardi, Gustav Hermann suggerì nel 1868 l'uso di alluminio anziché dell’acciaio per fare arti artificiali più leggero e funzionali. Tuttavia, il dispositivo più leggero avrebbe dovuto aspettare fino al 1912, quando Marcel Desoutter, un celebre aviatore inglese, perse la gamba in un incidente aereo, e fece la prima protesi in alluminio con l'aiuto del fratello Carlo, un ingegnere.

 

Muoversi verso i tempi moderni

La guerra di secessione americana creò un numero di amputazioni astronomicamente alto, costringendo così gli americani a entrare nel campo della protesi. James Hanger, uno degli amputati prima della Guerra Civile, ha sviluppato quello che in seguito fu brevettato come "Hanger Limb". Persone come Hanger, Selpho, Palmer e A. A. Marchi contribuirono a trasformare
e far avanzare il campo protesi con le loro raffinatezze nei
meccanismi e materiali dei dispositivi.

A differenza della guerra civile, la prima guerra mondiale non favorì l'avanzamento dello sviluppo prostetico. Nonostante la mancanza di progressi tecnologici, il chirurgo dell'esercito comprese l'importanza della discussione di tecnologia e sviluppo delle protesi, questo alla fine lo ha portato alla formazione del Orthotic American & Protesi Association (AOPA).

A seguito della seconda guerra mondiale, i veterani non era soddisfatto della mancanza di tecnologia nei propri dispositivi e hanno chiesto un miglioramento, il governo degli Stati Uniti ha così negoziato un accordo con le imprese militari per migliorare la funzione di protesi piuttosto che quella delle armi. Questo accordo ha aperto la strada allo sviluppo e alla produzione di protesi moderne. Gli attuali dispositivi sono molto più leggeri,
in plastica, alluminio e materiali compositi per fornire amputati
con i dispositivi più funzionale.

Oltre ad essere più leggeri, i nuovi dispositivi sono modellati sul paziente, con l'avvento dei microprocessori, dei chip di computer e della robotica, oggi le protesi sono progettate per far tornare gli amputati allo stile di vita a cui erano abituati, piuttosto che per fornire funzionalità di base o semplicemente un aspetto più gradevole. Le protesi sono più realistiche, hanno coperture in silicone e sono in grado di mimare la funzione di un arto naturale ora
più che in qualsiasi momento prima (Fig 6)[3].

 

 

Figura 6 Ginocchio elettronico C-leg



[1] Kenneth Garrett / Getty Images

[2] http://www.clinicalgaitanalysis.com/history/prosthetics.html

[3] Broschüre C-Leg 646A221=I_screen